Grazie da Koumba

Non avrei mai pensato di fare ritorno così presto a Conakry.

Dopo alcuni mesi eccomi di nuovo nel cuore di una capitale africana forte delle sue cotraddizioni.

Il mio primo pensiero quando ho saputo che sarei ritornato é stato per Koumba. La protagonista di una delle nostre storie. Avevo voglia di rivedere il suo sorriso e la sua fragilità, la sua grande timidezza che combatte con la sua grande voglia di dire al mondo che si, esiste anche lei.

Così insieme a Lia della ONG LVIA e Said, l’educatore che segue Kaoumba, siamo andati nel quartiere dove c’è il piccolo atelier di sartoria dove Koumba a cominciato a lavorare qualche tempo fa.

Le abbiamo detto che la sua borsa di studio é arrivata e che presto avrebbe potuto avere un posto tutto suo per lavorare. Ha voluto ringraziare tutti, con poche parole e con i suoi sorrisi velati. Nel video il suo grazie

Alessandro Rocca