Nice

Nice Nailantei Leng’ete è stata una bambina coraggiosa e ora è una donna masai di 24 anni, cresciuta in un villaggio rurale ai piedi del  Kilimanjaro. Nata in una tribù di pastori, Nice ora è operatrice di Amref e si sta battendo per l’eliminazione delle FGM (cioè mutilazioni genitali femminili). Si è fatta promotrice dell’adozione di “riti di passaggio” alternativi per le ragazze masai.

Quella di Nice è una storia di lotta e determinazione perché alle ragazze masai sia concesso di vivere da donne e sognare senza essere dominate dagli uomini. Lei ha dovuto rompere gli schemi, ribellarsi, fuggire, essere picchiata perché ha detto no al “taglio” e lo ha fatto all’età di otto anni.

Essere dalla parte di Nice per essere dalla parte di tutte quelle bambine, adolescenti e donne che lottano quotidianamente contro il potere maschile, contro le violenze della strada, della guerra, dala parte di quelle che si ribellano a diventare spose da adolescenti, senza diritti, senza istruzione e senza futuro.